{gspeech style=1 language=it autoplay=1 speechtimeout=0 registered=2

Preghiera del giorno

17102021Dal Vangelo secondo Marco
In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e disse loro:
«Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti.
Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Aiutaci, Signore, ad agire per amore, a mettere a disposizione di chi amiamo le nostre capacità e fa’ che possano trasmettere incoraggiamento nelle difficoltà e condivisione nella gioia.

Pin It

16102021Dal vangelo secondo Luca
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Io vi dico: chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio; ma chi mi rinnegherà davanti agli uomini, sarà rinnegato davanti agli angeli di Dio.
Chiunque parlerà contro il Figlio dell’uomo, gli sarà perdonato; ma a chi bestemmierà lo Spirito Santo, non sarà perdonato.
Quando vi porteranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi di come o di che cosa discolparvi, o di che cosa dire, perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire».

Aprici il cuore, Gesù, alla misericordia di Dio. Allontana da noi la tentazione di negare l’Amore di Dio che è presente e opera in te. Fa’ che possiamo seguire il soffio dello Spirito Santo, per essere da lui guidati nei momenti di difficoltà.

Pin It

15102021Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, si erano radunate migliaia di persone, al punto che si calpestavano a vicenda, e Gesù cominciò a dire anzitutto ai suoi discepoli:
«Guardatevi bene dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia. Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Quindi ciò che avrete detto nelle tenebre sarà udito in piena luce, e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze più interne sarà annunciato dalle terrazze.
Dico a voi, amici miei: non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo e dopo questo non possono fare più nulla. Vi mostrerò invece di chi dovete aver paura: temete colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geènna. Sì, ve lo dico, temete costui.
Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio. Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate paura: valete più di molti passeri!».

Custodiscici, Signore. Per te, noi valiamo più di molti passeri.
Tu ci ami e ci difendi. Fa’ che riponiamo la nostra fiducia in te, per non cadere nell’ipocrisia di una vita tiepida e falsa. Donaci la gioia di saperci amati da te.

Pin It

14102021Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite.
Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa, che fu ucciso tra l’altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione.
Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito».
Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca.

Dopo il brano di ieri, continua anche oggi la condanna di Gesù verso quanti osservano le leggi di Dio in maniera esteriore e superficiale. Questo è un atteggiamento che manifesta poca sincerità d’animo. Gli scribi ritenevano di avere il monopolio della conoscenza delle scritture ma in realtà con i loro comportamenti impedivano ad altri di accogliere, in libertà, l’annuncio portato da Gesù.
Donaci, Padre, la capacità di riconoscere i falsi profeti e diffidare dai falsi miti; accresci in noi la fede in tuo Figlio Gesù che ci ha amati così tanto da donare la propria vita per noi.

Pin It

13102021Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, farisei, che pagate la decima sulla menta, sulla ruta e su tutte le erbe, e lasciate da parte la giustizia e l’amore di Dio. Queste invece erano le cose da fare, senza trascurare quelle. Guai a voi, farisei, che amate i primi posti nelle sinagoghe e i saluti sulle piazze. Guai a voi, perché siete come quei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo».
Intervenne uno dei dottori della Legge e gli disse: «Maestro, dicendo questo, tu offendi anche noi». Egli rispose: «Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito!».

Nel brano di oggi Gesù ammonisce i dottori della Legge che si comportano in maniera ipocrita. Bisogna accostarsi a Dio con purezza d’animo, il rischio infatti è quello di essere come dei sepolcri nascosti che tutti calpestano e nessuno vede, che al loro interno sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume. Guai dunque a comportarsi come i farisei che sembrano sempre buoni e giusti mentre nel loro animo sono cattivi. Giustizia e amore di Dio: sono queste le due vere colonne portanti della fede dell’uomo.
Donaci, o Signore, un animo puro e un cuore candido che sappia accogliere il tuo Amore e la tua Giustizia.

Pin It

12102021Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, mentre Gesù stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo.
Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l’esterno non ha forse fatto anche l’interno? Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro».

A volte i nostri amici ci feriscono, magari perché criticano in modo troppo pungente persone a cui siamo affezionati o biasimano ideali e abitudini che per noi sono importanti. Ti preghiamo, Signore, di aiutarci a non chiuderci di fronte alle critiche: aiutaci a difendere senza imbarazzo le nostre convinzioni e a saperle anche modificare con onestà se ci rendiamo conto che erano davvero sbagliate.

Pin It

11102021Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire:
«Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione.
Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone.
Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».

Anche tra di noi oggi, Signore, si cercano segni e promesse e la tua Parola è spesso messa al margine o resa irrilevante. Eppure basterebbe mettersi in ascolto con onestà e sincerità di cuore per rendersi conto che è l’unica Parola vera, l’unica che possa portare alla vera pace di cuore se vissuta nella ricerca di un’autentica giustizia. Apri il nostro cuore e comprenderemo le parole di tuo figlio.

Pin It

10102021Dal Vangelo secondo Marco
In quel tempo, mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: “Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre”».
Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni.
Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!». I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: «Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: «E chi può essere salvato?». Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio».
Pietro allora prese a dirgli: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà».

Anche noi, Signore, abbiamo bisogno che uno sguardo d’amore si posi su di noi. Mandalo come balsamo sulle nostre ferite, ricomponi la nostra vita e la nostra anima nei punti in cui si era spezzata, perché solo tu puoi arrivare dove noi non riusciamo.

Pin It

09102021Dal vangelo secondo Luca
In quel tempo, mentre Gesù parlava, una donna dalla folla alzò la voce e gli disse: «Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha allattato!».
Ma egli disse: «Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!».

Signore, vorremmo essere tra i giusti che esultano di gioia in te, che vedono una luce che li guida (e quella luce sei tu) e che annunciano la tua giustizia.
Donaci di ascoltare la Parola di Dio e osservarla, sull’esempio di Maria e di tutti i santi, per essere anche noi tra quelli che tu chiami beati.

Pin It

08102021Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, [dopo che Gesù ebbe scacciato un demonio,] alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo.
Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche Satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.
Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino.
Chi non è con me, è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde.
Quando lo spirito impuro esce dall’uomo, si aggira per luoghi deserti cercando sollievo e, non trovandone, dice: “Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito”. Venuto, la trova spazzata e adorna. Allora va, prende altri sette spiriti peggiori di lui, vi entrano e vi prendono dimora. E l’ultima condizione di quell’uomo diventa peggiore della prima».

La lotta tra il bene e il male avviene ogni giorno, intorno a noi e dentro di noi. Aiutaci, Signore, ad essere vigilanti, ad essere con te, non contro di te. Aiutaci, soprattutto, a non lasciarci travolgere dalla mediocrità e dal tarlo della mondanità che, sotto le apparenze del bene (ma è un falso bene), ci fa condurre una vita che ci allontana da te.

Pin It
Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech